Prossimo Evento

L’Associazione

Atargatis è un’associazione culturale volontaria, di tutela ambientale ed escursionismo.

Continua

Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per essere sempre aggiornato sugli eventi che saranno organizzati.

Iscriviti

Brochure 2017

Ischia

Scritto da Giovanni Macrino.

Ischia è tra le isole più privilegiate del mondo per la sia posizione.
In nessun posto della Terra si possono trovare così felicemente congiunte tante risorse e tante possibilità: le spiagge, ampie riposanti, pulitissime; le pinete, oasi di riposo per gli adulti e di giocondità per i bimbi; colline che offrono la possibilità di ritempranti passeggiate; l’Epomeo con le sue rocce vulcaniche che invitano a gaie escursioni; le campagne che si diramano fin sulle colline con i suoi vigneti, aranceti, castagneti; i panorami sconfinati, vividi di una bellezza che si direbbe soprannaturale.

Ma l’isola è famosa soprattuto per le risorse termali uniche al mondo delle quali è dotata.
Nel primo giorno abbiamo visitato Ischia Ponte con il Borgo di Celso ed il Castello Aragonese dove abbiamo sostato anche per il pranzo.
Nel pomeriggio abbiamo fatto una facile escursione sul sentiero del cratere per arrivare alla sorgente di Buceto.

Il giorno seguente siamo partito alla volta dell’escursione sul Monte Epomeo (la vetta più alta dell’isola) mentre un secondo gruppo ha noleggiato dei bus per fare il giro dell’isola.

BORGO DI CELSO
Ischia Ponte chiamata anche “Borgo del Celso”, è il centro storico di Ischia.
La storia di Ischia Ponte è legata a quella del “Castello Aragonese”, principale testimonianza storica della frazione.
Oltre al Castello, la frazione è ricca di palazzi settecenteschi, tra cui il “Palazzo Lauro”, dove nacque Baldassarre Cossa, meglio conosciuto come Giovanni XXIII, antipapa del XV secolo.
Il palazzo più importante è sicuramente il “Palazzo Vescovile”, un tempo seminario, divenne palazzo vescovile nel 1741, quando il vescovo Nicolò Schiaffinati vi trasferì la sede dal castello.

CASTELLO ARAGONESE
Il Castello Aragonese sorge su un isolotto di roccia trachitica collegato al versante orientale dell’isola d’Ischia da un ponte in muratura lungo 220 mt.
La base rocciosa è geologicamente definita “cupola di ristagno” ed equivale ad una bolla di magma consolidatasi nel corso di fenomeni eruttivi di più vasta portata.
Raggiunge un’altezza di 113 mt. s.l.m. e presenta una superficie di circa 56.000 mq.
La mulattiera si sviluppa, per il primo tratto, in una galleria scavata nella roccia (per volontà di Alfonso I d’Aragona alla metà del Quattrocento) per poi proseguire all’aperto fino a raggiungere la parte più alta dove è situato il Maschio.

SORGENTE DI BUCETO
Il termine Buceto indica una delle più interessanti sorgenti dell’isola d’Ischia, che ha origine proprio nella parte orientale del Monte Buceto.
La sorgente ha fornito acqua potabile agli ischitani sin dal passato e ha assicurato loro per lungo tempo la possibilità si svolgere tutte le attività, quelle agricole e quelle legate ai bisogni quotidiani.
L’etimologia del nome, leggendo antichi manoscritti, è varia. Il Pontano faceva derivare il nome da “abocaetus”, dalla moltitudine di uccelli che si affollavano intorno alla fonte, che scaturisce dal vertice del monte.
Il Capaccio dice che Buceto deriva dal greco “bubulcus”, cioè luogo atto al pascolo dei buoi, ma è più probabile che fossero le pecore a poter pascolare nella pineta vicino la fonte.
Il De Siano accosta il termine a “Docceto”, corrotto in “Bocceto”, perché l’acqua vi “doccia” (vena d’acqua che sgorga dalla roccia) dalla montagna argillosa.
Attraverso l’acquedotto dei Pilastri, le acque sorgive di Buceto, sono state trasportate fino al Borgo di Celsa, oggi Ischia Ponte.

MONTE EPOMEO
Il Belvedere, si trova sulla vetta del Monte Epomeo, la più alta dell’Isola d’Ischia, 789 metri dal livello del mare.
E’ costituito da un blocco tufaceo scavato dal secolare pellegrinare dell’uomo.
La vetta è raggiungibile solo a piedi attraverso un sentiero di montagna, abbastanza agevole.

{focus_keyword} Ischia trans

Itinerari: Borgo di Celso – Castello Aragonese – Sorgente di Buceto – Monte Epomeo
Difficoltà: Turistico il sabato, Escursionistico la domenica
Dislivello: +350 m. il sabato, +750 m. la domenica
Lunghezza a/r: 8,5 Km. il sabato, 9,5 Km. la domenica
Tempo a/r: 4 ore e 30 minuti il sabato e la domenica
Accompagnatore: Giovanni Macrino
Trasporto: Autobus GT
Pranzo: A sacco
Partecipanti: 112 il sabato, 118 la domenica
Nota: Le tracce gpx possono essere scaricate dalla sezione Download

[nggallery id=2]

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Calendario Eventi

<< Nov 2017 >>
lmmgvsd
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3

Contattaci

Associazione Atargatis
Via del Carpino, snc
04026 - Minturno (LT)
Tel. 0771.663101

Anna Molisso: anna@atargatis.info
Barbara Fustolo: barbara@atargatis.info
Claudio Maggiarra: claudio@atargatis.info
Giovanni Macrino: giovanni@atargatis.info
Maria Civita Sinapi: mariacivita@atargatis.info
Rita D'Ettore: rita@atargatis.info

Accesso Amministratori